A CENA CON IL PRODUTTORE : ALBINO ARMANI

A CENA CON IL PRODUTTORE : ALBINO ARMANI

di Ermanno Rumi 

ar01 Castione Andevenno presso il ristorante del nostro socio Walter Menegola abbiamo dato il via ad un nuovo entusiasmante anno di incontri con il Produttore.
“A cena con il produttore” è una delle molteplici attività della nostra associazione, quella che preferisco, per vari motivi. È possibile ad esempio abbinare i piatti previsti ai vari vini presenti ,nel nostro caso otto vini, e concorderete con me che non è facile avere una cena con otto vini, soprattutto ai prezzi proposti dalla nostra associazione. Inoltre è possibile chiedere al produttore le motivazioni che lo hanno portato a perfezionare un vino, perché ha deciso di fare certe scelte, perché l’utilizzo di un sistema di allevamento rispetto ad un altro, perché le anfore e non le botti. Scoprendo sempre che sono le passioni e l’estro che portano alla creazione di un grande vino!
Abbiamo scoperto che le anfore, per dare il giusto apporto al vino, devono essere cotte ad una particolare temperatura: se troppo bassa c’è il rischio che il vino fuoriesca e se troppo alta quello che non passi più l’ossigeno. Durante la serata abbiamo avuto modo di degustare e poi abbinare i seguenti vini dell’ Azienda agricola Albino Armani :
823 TRENTO DOC spumante metodo classico
CLÈ TRENTO DOC spumante metodo classico
PINOT GRIGIO 2014 Colle Ara Valdadige Terradeifiori doc
SAUVIGNON 2014 Campo Napoleone delle Venezie igt
FOJA TONDA 2011 Casetta Valdadige Terradeifiori doc
AMARONE DELLA VALPOLICELLA DOCG
COLLFONDO PROSECCO BIOLOGICO DOC
MOSCATO SPUMANTE
Vini interessanti, a cominciare dall’Amarone morbido e deciso, un Pinot Grigio non comune,all’esame visivo un colore irresistibile oro rosso antico, quello usato per i gioielli più preziosi. Il Savignon delle Venezie riservato, che si svela piano piano. Particolare attenzione al Foja Tonda, vitigno autoctono mar02olto diffuso in passato in Vallagarina nelle zone di Ala e Avio ma oggi quasi abbandonato e grazie ad Albino reinserito nel 2002 tra le varietà ammesse per la coltivazione. Riconosciuto DOC dal 2007
CollFondo Prosecco: si tratta anche qui di un prodotto non comune, non il solito prosecco . Ci troviamo a pochi chilometri da Conegliano, appena fuori dal centro abitato di San Paolo di Piave. È qui che viene coltivata la Glera che darà origine al COLLFONDO. Una volta vendemmiato il mosto fermenta in acciaio a temperatura controllata, in modo naturale, utilizzando acqua di pozzo. Il successivo imbottigliamento avviene dopo 6 mesi seguendo le indicazioni del calendario di Maria Thun. Rifermentazione in bottiglia. Ancora un poco di pazienza e finalmente potrà essere degustato. Le bollicine a 3-3,5 atm non sono per nulla invadenti, gusto secco, deciso, gentile, buona acidità, fragrante, crosta di pane ma anche agrumi. Perfetto con l’antipasto .
823 è un metodo classico Trento Doc , Pinot Nero 80% e Chardonnay 20%. L’uva è raccolta a mano da un piccolo vigneto situato in alta valle dei ronchi di Ala, il Maso Michei; i vigneti sono situati a 823 metri con punte sino a 900 metri s.l.m . Una tale altezza presenta non pochi problemi per l’allevamento del PN ma come tutte le sfide, se fossero facili, che gusto ci sarebbe !! Il terreno è complesso e variegato, ricco di marna e calcare . Possiamo dire di avere tra le mani una chicca, un piccolo tesoro, prezioso …. che nelle annate migliori è prodotto in 2000 massimo 3000 esemplari: lo scorso anno ad esempio ne sono state prodotte solo 1000 bottiglie. Un vino creato per passione e per piacere, il piacere di fare qualcosa di unico. Chiudi gli occhi un attimo e ti sembra di essere lì! Sei seduto ad una tavola di pietra, fresca, avvolto dalla luminosità di quei luoghi, riesci a sentire l ’aria frizzante su per il naso, il rumore del ruscello poco lontano, la fragranza del cesto di pane, i fiori bianchi, fiori di pesco ed anche delle nocciole, quelle gentili delle langhe.
Grazie a tutti, in particolare ad Elia, Albino e non dimentichiamo Walter per lo strepitoso petto d’oca .. arrivederci al prossimo appuntamento….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *